Zister (1)_modificato.jpg

Cetera

Strumento di origine europea della classificazione dei cordofoni,nella famiglia dei liuti a manico lungo.

Tra il decimo e il dodicesimo secolo si sviluppa prima dal Liuto e successivamente dalla Citola. Il suo massimo impiego lo trova nella musica rinascimentale.

E' caratterizzata da una cassa piriforme, da cori doppi che possono variare da quattro a sei e i tasti fissi sono in osso.

instr-fruh-cister-platte-vii-von-praetor
IMG_20140810_163044_modificato.jpg

Ghironda

Strumento medievale originario dell'europa occidentale, della famiglia dei cordofoni a corda sfregata.

Dalle forme più differenti, e avanzando nel tempo con un numero sempre maggiore di corde, questo strumento ha caratterizzato la musica dal medioevo in poi  per via della sua diffusione, dovuta principalmente alla sua completezza data la presenza di corde di melodia, bordoni e la "mosca", grazie alla quale è possibile dare maggiore ritmicità a ciò che si suona.

intero (15)_modificato.jpg
intero up sbieco (6)_modificato.jpg

Scheitholt

 (Scheitholz)

Questa versione è una reinterpretazione e un'estensione dello Scheitholt (anche detto Scheitholz) illustrato dal trattatista M.Pretorius.

Della famiglia dei cordofoni, discende dal monocordo ed è l'antenato di numerosi strumenti quali Epinette, Dulcimer, Zither, ...

Testimonianze dettagliate le troviamo dagli inizi del quattordicesimo secolo, e rimane in grande utilizzo anche durante parte del Rinascimento.

IMG_20180708_194626_modificato.jpg
IMG_20180708_194654_modificato.jpg

Salterio -

Cantiga de Santa Maria

Questo tipo di Salterio è una ricostruzione basata su un' illustrazione del manoscritto Cantigas de Santa Maria del tredicesimo secolo.

6c5db4e15b16086f4383a890c781041c--mediev
IMG_20180313_141009.jpg
IMG_20180313_141729_modificato.jpg

Symphonia -

Cantiga de Santa Maria

E' una versione primordiale della ghironda, quindi appartenente alla famiglia dei cordofoni a corda sfregata.

Di dimensione piuttosto ridotta, ne abbiamo le prime testimonianze all'inizio del tredicesimo secolo. 

Questa è una ricostruzione reinterpretata basata su una illustrazione del manoscritto Cantigas de Santa Maria.

Sinfonía_(Instrumento_musical)_modificat
27021146_640247682765515_666235861516624

Ribeca

Della famiglia dei cordofoni, la Ribeca, seppur si supponga di origine araba, è molto diffusa alle corti d'Europa tra il dodicesimo e il sedicesimo secolo. Ritrovamenti e studi recenti hanno portato alla luce strumenti molto simili anche di origine scandinava e precedenti all’espansione araba, datati attorno al nono/decimo secolo.

Generalmente veniva suonata con un archetto, ma fonti iconografiche ci mostrano stili di esecuzione anche a pizzico.

Caratterizzato dalla sua particolare forma, presenta solo tre corde e la cassa armonica è ricavata da un unico pezzo scavato.

IMG_20170821_142854_modificato.jpg
IMG_20170820_110546_modificato.jpg
13339630_1741805859369320_41933919130140
IMGP0190_modificato.jpg

Arpa da gamba

Le tipologie di arpa più antiche sono di piccola taglia (ecco perchè "da gamba") e con accordatura fissa.

Le si può trovare di fogge più svariate, e talvolta con nomi differenti, quali Chitara antigua, Lapharp, Schoßharfe, ...

Anche la famosa arpa Irlandese (Icona simbolo della Guinness)rientra in questa categoria.

27480244_2010321855850846_200487131_o_mo
26909236_2010321959184169_1227453298_o_m

Mandolino Rinascimentale

Reinterpretazione di un Mandolino piatto rinascimentale. Si tratta di un ibrido tra Cetera e Liuto.

Caratteristici sono la rosetta e i tasti in osso, oltre alla tastiera sullo stesso livello della tavola armonica.

27398033_2010321872517511_1625646276_o_m
Fiedel Codex Manesse.jpg
Codex_Manesse_312r_Reinmar_der_Fiedler.j

Fiedel (Viella) -

Codex Manesse

Ricostruzione di una Viella ad arco della prima metà del 14.Secolo, basato su illustrazioni del manoscritto Codex Manesse (Heidelberger Liedehandschrift).

Il corpo è ricavato da un unico plocco di legno. Diversi dettagli sono solo interpretazioni vista la mancanza di raffigurazioni o reperti dettagliati. I fori armonici sono ripresi da un altro manoscritto medievale.